it-ITen-GB

Il progetto artistico del Tida si identifica con una concezione critica della società, dello spettacolo, dell'estetica convenzionale e della produzione artistica in sé.
Ci situiamo in un terreno di ricerca, nutriti da continue collaborazioni con giovani filosofi, mettendo in pericolo ed a disposizione del pensiero i corpi dei danzatori quali oggetti politici, linfa e cuore pulsante degli spettacoli che sono concepiti come risultati di processi di ricerca su stimoli critici.

La ricerca della Compagnia è incentrata su linguaggio e contesto in un'ottica contemporanea per estetica e contenuti.
Il linguaggio si concentra sulla contaminazione, sulla traduzione, sulla dissoluzione e la consapevolezza dei confini linguistici.
Il contesto è invece dove vogliamo inserire la nostra indagine e cioè il presente, la sua attinenza politica, sociale, pragmatica e spirituale.

Partendo dall'analisi di sfaccettature delle relazioni umane, sociali e politiche creiamo il terreno per la traduzione in danza. Lo strumento principale è il corpo; esso infatti, in quanto veicolo terreno e temporale, è l'ambito favorito per esplorare l'arte del presente e la contemporaneità, proprio per la sua natura effimera.
Ci situiamo però in un territorio estremamente fisico, rifiutando, in questo momento della nostra ricerca, un'eccessiva intellettualizzazione della coreografia.
Per quanto il lavoro di scrittura drammaturgico parta da stimoli essenzialmente intellettuali, crediamo nella traduzione di questi in lavori in cui il corpo abbia la sua centralità. Un corpo aderente ad un'estetica contemporanea, certo, ma che si riappropria al contempo della fisicità.
Cerchiamo, pur situandoci in un territorio di ricerca, di creare spettacoli in cui CONTEMPORANEAMENTE si muovano il pensiero, il piacere (nel senso più vasto del termine e quanto mai distante da un concetto di intrattenimento) e la sorpresa.

Il TIDA è sostenuto dall'Assessorato Istruzione e Cultura della Regione Autonoma Valle d'Aosta e dal MIBACT – Ministero dei beni e delle attività culturali

Principali partecipazioni a festival e rassegne nazionali ed internazionali:
Be Festival 2015 - Birmingham (UK) primo premio miglior spettacolo;Be festival 2916 - Birmingham (UK);  International Theater Festival Mess - Sarajevo (Bosnia); Fondazione Piemonte dal vivo - Lavanderia a Vapore di Collegno (Italia) stagione 2016; ACS Abruzzo - stagione 2015-2016; International festival of Sarajevo – Sarajevo Winter Festival (Bosnia); International Ancient Greek Drama Festival (Cipro); Settembre in Danza (Italia); Torino Spiritualità (Italia); Festival Il sacro attraverso l'ordinario (Italia); Festival Differenti sensazioni (Italia); Maratò de l’Espectacle (Spagna); Festival D’Avignon (Francia); Pflasterspektakel Festival di Linz (Austria); Festival di Seul (Corea del Sud); Zdarzenia Festival di Tchew (Polonia); Giochi del Mediterraneo (Italia); Barhat Rang Mahotsav Festival (India); Teatro Superga di Nichelino - Circuito Teatrale del Piemonte (Italia); Festival VD'A – Voci dell'anima (Italia); Torino Fringe Festival (Italia); Peraspera Festival (Italia); Saison Culturelle di Aosta (Italia); Open dance (Italia); HangartFest (Italia).


In riferimento all’ art. 9, comma 2 e 3 del decreto Legge 8 agosto 2013, n. 91, convertito con legge 7 ottobre 2013 n. 112; riportiamo le seguenti informazioni:
Marco Chenevier : - amministratore unico e legale rappresentante della società cooperativa.
Compenso lordo annuo per l'incarico euro 0,00.

Estremi dell'atto di conferimento dell'incarico: Atto Costitutivo di società cooperativa del 10 maggio 2005 - numero repertorio 26835 - scadenza 31 dicembre 2030

 


MARCO CHENEVIER

coreografo, danzatore, regista e attore
direttore artistico

SMERALDA CAPIZZI

co-direttrice artistica
responsabile di produzione

ELENA PISU

coreografa, danzatrice

ALESSIA PINTO

danzatrice

SHANIKA FILIOL DE RAIMOND

danzatrice

CORRADO SAIJA

compositore, musicista

CHRISTIAN THOMA

compositore, musicista

PABLO TAPIA LEYTON

danzatore

NUHACET GUERRA

danzatore

ANDREA “SANCIO” SANGIORGI

direttore tecnico

SANDRINE PHILIPPE

stilista

LIA RICCERI

diffusione, organizzazione

ANDREA ALBANESE

grafico editoriale e webmaster