Swan Song – The Reversal / part one (Unfrozen – The Land Where Nothing Moves)

Alexandra Zierle

Swan Song – The Reversal / part one (Unfrozen – The Land Where Nothing Moves)

19 ottobre | Sala Expo | a partire dalle 17:45

Durata/running time: 60’

Performance durazionale/durational performance

Durata/running time: 20’

17:45 - 20:45 su prenotazione per piccoli gruppi di persone/by reservation for small groups of people

20:45 aperta a tutto il pubblico/open to all

 

prima nazionale/national premiere


“You are a song, a wished-for song.
Move to the center, towards the sky and wind,
towards silent knowing.”
Rumi

Il latte congelato monta su mari di cenere e polvere di stelle, La Terra dove Nulla si Muove inizia un processo di scongelamento dei sentimenti affogati portando l'incantesimo di ghiaccio a sciogliersi, e portando la verità in superficie, indipendentemente da come appaia.
Una cerimonia del tè intima e tranquilla crea immagini di sogno e porta il pubblico al tavolo per un incontro con la propria natura di quiete. Ciò che riesce ad emergere dalla profondità del mare interiore, quando il respiro scioglie la percezione ordinaria e guarda il riflesso di sé.

Frozen milk mounts sailing on seas of ash and star dust; The Land Where Nothing Moves initiates a process of defrosting drowned feelings by bringing the spell of ice to melt and sending the truth to the surface, no matter how it appears.
A quiet intimate tea ceremony creates dream like imagery and brings the audience to the table for an encounter with their own nature of stillness, and that which is allowed to emerge from the depth of the inner sea, when the breath melts away ordinary perception, glances the reflection of Self.


CREDITI/CREDITS
di/by Alexandra Zierle


Interdisciplinare, multisensoriale e reattiva verso luoghi e contesti, la pratica di Alexandra Zierle si situa tra la performance art, l'impegno sociale, l'installazione sonora, la fotografia e la scultura. Fino all'anno scorso ha lavorato in collaborazione con Paul Carter, e ha ora iniziato a sviluppare un suo progetto solista.
Il suo lavoro all'interno del duo Zierle & Carter è stato presentato su scala internazionale in Europa, Canada, Stati Uniti, Sudamerica, Australia, Asia e Africa, tra cui all'inaugurazione della Settimana Internazionale della Performance Art di Venezia, Federation Square (Melbourne), CIPAF (Cyprus), Grace Exhibition Space (New York), Rapid Pulse (Chicago), Bildmuseet (Umeå), nonchè al National Theatre e Barbican per SPILL Festival of Performance 2015 (London). Nel 2016, una retrospettiva del loro lavoro è stata esposta in Cina al Chongqing Changjiang Contemporary Museum per PARABIOSIS - Chong Qing Chang Jiang International Contemporary Art Exhibition. L'ultima performance come Zierle & Carter è stata presentata a Hong Kong nel 2017.
I suoi progetti hanno ricevuto sostegni importanti tra cui una residenza presso il Banff Centre in Canada, 6 settimane di R&D in Australia, e una borsa di viaggio di 3 mesi in Patagonia (Argentina/Chile), il suo lavoro è inserito nelle pubblicazioni ‘Personal Structures Time – Space – Existence’ e ‘Double Exposures’ di Manuel Vason.
Come accademica, Alexandra Zierle ha lavorato come Professore Invitato nel Regno Unito, negli Stati Uniti, in Lituania e in Australia e ha condotto workshop a livello internazionale, tra cui presso PAStudies a Kaunas (LT), IPA a Bucarest (RO); oltre a ricoprire il ruolo di facilitatore per i Marathon Workshops di Atene, Cipro e Berlino, ha condotto workshop in autonomia in Germania, Spagna, Svezia e Cina.
Recentemente ha presentato performance a solo in Germania presso la Wuppertaler Performancenacht e per la Istanbul Art Fair. L'anno prossimo si troverà in Canada per presentare il suo lavoro alla Zero Gravity International Performance Art Festival e facilitare un workshop sulla performance art a Edmonton, Canada.

Print